La Sedazione cosciente

Spesso, si presentano pazienti difficili in cui la componente emotiva e ansiosa rende particolarmente difficoltoso il trattamento.

La metodologia della sedazione cosciente con N2O/O2, RA secondo Langa e la metodica del Micronoan rappresentano la base su cui si fonda oggi la sedazione odontoiatrica ambulatoriale. L’utilizzo di questi sistemi è da consigliare vivamente ai soggetti, adulti e bambini, insofferenti alle cure dentali.

La sedazione inalatoria si effettua con una miscela di protossido d’azoto e ossigeno somministrata in diverse percentuali. Il protossido d’azoto è un gas incolore di debole sapore dolciastro. Passa rapidamente dagli alveoli polmonari al sangue, non viene metabolizzato in alcun modo e viene smaltito in maniera rapidissima. Il protossido d’azoto di per sé non causa modificazioni della frequenza cardiaca, l’unico effetto osservabile può essere rappresentato da una vasodilatazione cutanea responsabile dell’arrossamento del paziente. Il protossido d’azoto non è irritante e può essere usato in pazienti asmatici, non altera inoltre le funzioni epatica, pancreatica e renale in quanto viene eliminato quasi esclusivamente per via respiratoria. Le controindicazioni all’uso dell’inalazione di protossido d’azoto/ossigeno sono naso chiuso, gravidanza, gravi malattie psichiatriche, pazienti sicuramente odontofobici (leggi anche Sei Dentofobico? Niente paura, c’è rimedio), alcune gravi malattie croniche ostruttive polmonari.
Come somministrare il protossido d’azoto/ossigeno
I nostri ambulatori odontoiatrici sono muniti di sedation machine, indispensabile per operare in sicurezza. La mascherina utilizzata avrà le dimensioni adatte al naso del paziente. Si inizia con un flusso totale di gas e successivamente lo specialista continuerà a monitore la risposta del paziente ai comandi e della possibilità di tenere sempre la bocca aperta per tutta la durata del trattamento.

Vantaggi dell’inalazione di protossido d’azoto/ossigeno:
• ridurre o eliminare l’ansia
• ridurre i movimenti o le reazioni contrastanti i trattamenti odontoiatrici
• aumentare sia la comunicazione che la cooperazione del paziente
• aumentare la soglia del dolore
• aumentare la tolleranza agli appuntamenti lunghi
• riequilibrare i parametri cardiocircolatori alterati dallo stress e prevenire le emergenze
• aiutare i trattamenti dei pazienti mentalmente/fisicamente disabili
• ridurre i riflessi del vomito
• potenziare l’effetto di altri sedativi

Svantaggi dell’inalazione di protossido d’azoto/ossigeno:
• potenza sedativa limitata
• per la perfetta riuscita della sedazione è indispensabile associare tecniche psicologiche
• interferenza della mascherina nasale con il gruppo frontale del mascellare superiore
• il paziente deve essere in grado di respirare attraverso il naso
• rischi di inquinamento da protossido d’azoto con potenziali danni all’equipe odontoiatrica